#news

“Chi più lontano vede, più a lungo sogna”, serata dedicata alla montagna

Home > News

[column width=”1/1″ last=”true” title=”” title_type=”single” animation=”none” implicit=”true”]

Una serata dedicata alla montagna, e al mondo di passione, esplorazione e grande rispetto che la accompagnano, in un legame – strettissimo – con l’arte e le esperienze artistiche nate dal contatto e dall’immaginario della natura selvaggia, a cura della compagnia Cie Les3Plumes.

Si intitola “Chi più lontano vede, più a lungo sogna”, ed è un doppio appuntamento – un incontro ed uno spettacolo – che andranno in scena in Cittadella dei Giovani venerdì 22 novembre alle 20. 

Letture a cura di Livia Taruffi
Un viaggio nell’atmosfera magica delle leggende che mettono in relazione uomo e montagna

Il viaggio comincerà all’interno della letteratura nata dall’incontro con la montagna, a cura dell’autrice, attrice, regista e cantante Livia Taruffi.

“Bonatti, je t’aime”
Quando una danzatrice si innamora di Walter Bonatti
di e con Elena Pisu
luci e scene Andrea Sangiorgi
con il sostegno della Regione Autonoma Valle d’Aosta

A seguire andrà in scena “Bonatti, je t’aime”, spettacolo di danza in cui si racconta la profonda fascinazione che gli scritti del memorabile alpinista, giornalista e avventuriero hanno suscitato in una danzatrice che tenta di rivivere le esperienze e le avventure di Bonatti attraverso il linguaggio della danza e la creazione di immagini in movimento. 

Un dialogo postumo tra “Walter B.” e la coreografa Elena Pisu, un incontro poetico tra parole e danza.

In chiusura di serata ci sarà un momento aperto al confronto e alla condivisione di visioni ed esperienze, in una tavola rotonda alla quale – assieme agli spettatori – parteciperanno, tra gli altri, Andrea Plat, guida alpina di Courmayeur e Luisa Montrosset, co-direttrice artistica del Cervino Cinemountain festival.

La sera stessa, alle 21.45 l’Università della Valle d’Aosta propone “Monelli o modelli? Pensieri sulle infanzie diseguali in forma d’arte”, una serata ricreativo-riflessiva in forma di teatro, musica, poesia e videoarte dedicata al tema del disagio giovanile e delle differenze coordinata da Paola Gallotta, docente dell’Ateneo valdostano.

[/column]

Facebook
WhatsApp
LinkedIn

Prossimi appuntamenti

Sfom-Academy-26-1024x1024-1
18 Dic
Workshop di Batucada “La cultura musica africana nella musica brasiliana”
¶StrangerNights
15 Dic
Stranger Nights | Stand by me - Ricordo di un'estate
¶StrangerNights
18 Dic
Stranger Nights  | E.T. l'extraterrestre